Disturbi d'ansia

Per disturbi d'ansia si intende una categoria di situazioni patologiche nella quale sono compresi il disturbo di panico (con e senza agorafobia), le fobie specifiche (ad esempio fobia dei ragni, fobia del sangue o delle iniezioni, fobia dell'aereo o delle gallerie), la fobia sociale (paura o imbarazzo marcato che si attivano in situazioni sociali o prestazionali) ed il disturbo d'ansia generalizzato (ansia e preoccupazione eccessive quotidiane associate a irritabilità, difficoltà a concentrarsi ed alterazioni del sonno).


In generale, le persone che soffrono di uno o più disturbi d'ansia vivono in perenne stato di allarme, come se fossero costantemente in pericolo anche in assenza di oggettive minacce o rischi, in questi casi anche le situazioni o i compiti più semplici da affrontare possono risultare ostici e pericolosi, proprio per questo tendono ad essere evitati.
 

Gli evitamenti (ad esempio non guidare per paura di avere un attacco di panico, non andare al supermercato o al cinema perchè troppo affollato, non parlare in pubblico o evitare gli esami scolastici) sono una delle conseguenze più dannose e problematiche di questo disturbo, compromettono fortemente la qualità della vita e possono impedire lo svolgimento delle normali attività quotidiane.
 

L'E.M.D.R. viene utilizzato nel trattamento di questi disturbi in quanto strumento in grado di ripristinare un equilibrio funzionale nel sistema di allarme/vigilanza del cervello umano. Con l'ansia_1E.M.D.R. si analizano e si rielaborano gli episodi più critici e le manifestazioni più acute dei sintomi d'ansia. Spesso l'esordio della sintomatologia ansiosa è preceduto da esperienze traumatiche che in qualche misura nè determinano l'insorgenza.
 

L'E.M.D.R. è una terapia per il trattamento dei traumi e consente di elaborare questi eventi considerati come possibili cause o concause scatenanti. Attraverso l'applicazione di questo metodo si riducono gradualmente i livelli di iperarousal (eccessiva attivazione anche in assenza di stimoli minacciosi) e si recupera nuovamente la capacità di affrontare situazioni quotidiane che prima erano evitate. Durante il trattamento si registra un incremento della qualità di vita delle persone che si sentono più sicure, più capaci e consapevoli delle proprie risorse, in sostanza si rinforzano anche il senso di autoefficacia e l'autostima.